Home Page | About EveryOne | Press Releases | Contact../../../MainPage.html../../../../Everyone_Group.htmlmailto:info@everyonegroup.com?subject=EveryOne%20Website%20Messageshapeimage_1_link_0shapeimage_1_link_1shapeimage_1_link_2

Edizioni

Il Premio Makwan per i Diritti Umani è dedicato alla memoria del ventunenne gay Makwan Moloudzadeh, impiccato il 5 dicembre 2007

Il riconoscimento è assegnato ogni anno, in base alla decisone di una giuria internazionale, a persone o associazioni che si sono distinte per azioni o progetti a tutela dei diritti fondamentali degli individui, dei gruppi sociali e dei popoli.

Tale servizio televisivo ha contribuito in misura determinante a diffondere nel mondo immagini e informazioni sul traffico di esseri umani e organi nel Sinai, inducendo le autorità locali, nazionali e internazionali ad agire con una determinazione che non si era vista prima.


Tali azioni hanno condotto allo smantellamento di alcuni covi di predoni, all'arresto di capi del traffico e alla liberazione di centinaia di giovani rifugiati. Il Progetto Libertà, lanciato dalla CNN dopo questo successo umanitario, consente tuttora di mantenere alta l'attenzione internazionale sui crimini commessi dai trafficanti: sequestri, omicidi, stupri, torture e mutilazioni, espianti di reni per rifornire il mercato nero degli organi. Hamdy Al-Azazy è sempre presente sul campo, per offrire sostegno umanitario ai profughi in difficoltà, anche negli ospedali e nelle carceri, rifornendoli di cibo e medicinali.


L'impegno di questo attivista egiziano è anche diretto alle istanze dei rifugiati nei centri di espulsione, dove quasi mai i loro diritti alla protezione internazionale e all'asilo politico sono rispettati. Hamdy si occupa inoltre della preparazione e della sepoltura delle salme dei profughi che muoiono nei campi di prigionia gestiti dai trafficanti, nel deserto (spesso dopo aver subito l'espianto dei reni), al confine con Israele, negli ospedali e nelle carceri. In ragione del suo coraggioso lavoro umanitario, Hamdy ha subito gravi minacce e recentemente è stato costretto a trasferirsi temporaneamente al Cairo per sottrarsi alle violenze di alcune bande criminali.


Tuttavia il difensore di diritti umani di Arish è tornato ben presto nella terra dove la sua opera ha salvato tante vite umane, preservandone tante altre da gravi drammi umanitari. Il premio simbolico assegnato dal Gruppo EveryOne si propone inoltre di segnalare alle Istituzioni egiziane e internazionali la necessità di sostenere e tutelare la vita e l'opera umanitaria di Hamdy Al-Azazy.


Nella foto, Hamdy Al-Azazy intervistato sul dramma dei profughi nel Sinai


EveryOne Group 
Makwan Prize

Nominations 2011

2011  Edition

ICER  International Commission on Eritrean Refugees, Eritrea

Maria Bravo Krysta  attivista umanitaria per i diritti delle ragazze madri, Uganda

Hamdy Al-Azazy   difensore dei profughi nel Sinai, Egitto

Frank Mugisha  attivista LGBT, Uganda


Hamdy Al-Azazy
Il premio Makwan 2011 è assegnato a
WINNERS


Marco Squicciarini Responsabile Nazionale Croce Rossa Italiana per i Rom e i senza fissa dimora, Italia